Utilizziamo cookie tecnici per fornire una migliore esperienza di navigazione nel sito, compresi cookie di "terze parti" per funzioni statistiche anonime e per attivare le funzioni di "social plugin". Non utilizziamo cookies di profilazione per inviare messaggi pubblicitari. Leggi l'informativa privacy completa

Tè bianco. Delicato, pregiato e ricco di antiossidanti e polifenoli

tè bianco
Close up pouring hot black tea in a white tea cup , Tea ceremony time concept

Il tè bianco proviene dalla pianta della Camelia sinensis. Così come il nero e il verde, l’ampia gamma di stili e gusti distintivi di queste varietà di tè partono proprio dalla stessa foglia.

L’aspetto curioso è che per molto tempo in Cina potevano essere esportate soltanto le foglie essiccate e per questo anche Carl Linnaeus, il padre della “tassonomia moderna”, ipotizzò che il tè nero e quello verde provenissero da piante completamente diverse. Fu solo nel 1842, quando l’etnobotanico inglese Robert Fortune contrabbandò piante di tè fuori dalla Cina, che il mondo dei bevitori scoprì che il tè verde, nero e bianco provenivano dalla stessa pianta.

Camelia sinensis

Camelia sinensis

La Camellia sinensis è un arbusto sempreverde che può crescere anche piuttosto alto quando ha lo spazio necessario per farlo. Nelle piantagioni di tè infatti, le piante vengono potate all’altezza della vita per facilitarne la raccolta. Questo perché i raccoglitori di tè ricercano la crescita più alta, tipicamente costituita da due o quattro foglie superiori e un bocciolo. Infatti, una volta che le foglie diventano grandi sono troppo dure e cerose per la produzione di tè.

Lavorazione del tè bianco

A differenza degli altri tè, quello bianco proviene dalla sottile peluria bianco-argentea dei boccioli non aperti della pianta (alcuni li chiamano semplicemente i “capelli” delle foglie di tè immature). 
In genere richiede solo una lavorazione minima: le foglie immature del cespuglio di tè vengono raccolte fresche e poi appassite mediante essiccazione all’aria, essiccazione al sole o essiccazione meccanica.

Sapore

La bevanda del tè bianco è di colore giallo molto pallido, a volte tendente all’arancio. Il suo sapore è molto delicato rispetto al tè nero e manca invece del retrogusto “erbaceo” spesso associato al tè verde. Il suo sapore più dolce è legato al fatto che si ottiene dal germoglio della pianta; inoltre durante la crescita, i cespugli utilizzati per la raccolta del tè bianco vengono ben protetti dal sole perché l’ombreggiatura riduce l’astringenza e aumenta la clorofilla, conferendo un gusto molto più delicato alla bevanda. Per questo motivo è considerato molto pregiato.

Proprietà

Ricco di vitamine E e C, viene spesso introdotto nelle diete ipocaloriche, poiché aiuta a stimolare il metabolismo. Infatti, il tè bianco è un ottimo rigenerante poiché dona una buona dose di energia, rilassando al tempo stesso il corpo e la mente. 
È molto ricco di polifenoli che possono aiutare a rilassare i vasi sanguigni e prevenire l’ossidazione del colesterolo cattivo. Aiutano, infatti, a ridurre l’infiammazione cronica proteggendo il corpo dai danni dei radicali liberi. Il tè bianco è, infine, un’ottima fonte di fluoro, catechine e tannini. Diversi studi hanno dimostrato che questi composti possono aiutare a combattere i batteri che causano la placca sui denti. 

Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter: riceverai tutte le notizie, gli aggiornamenti, le promozioni e le attività del mondo EFIT!