Utilizziamo cookie tecnici per fornire una migliore esperienza di navigazione nel sito, compresi cookie di "terze parti" per funzioni statistiche anonime e per attivare le funzioni di "social plugin". Non utilizziamo cookies di profilazione per inviare messaggi pubblicitari. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi l'informativa privacy completa

Perché affidarsi agli Estratti Fluidi?

Quando la ricchezza della natura offre le migliori soluzioni alle esigenze dell'individuo

Dopo aver approfondito alcuni aspetti della filosofia di Efit con l’intervista al Ceo uscita prima di Natale, in questo momento di passaggio, volevamo lasciare andare l’anno vecchio mettendo al suo posto un ulteriore tassello.

Se è vero che come per tutte le aziende che funzionano, Efit nel corso degli anni è cresciuta e si è evoluta nella varietà di prodotti messi a disposizione del cliente e anche nella cura del dettaglio e del packaging, è pur vero che resta invece ben saldo il cuore della sua produzione.
Come nel caso del logo, rinnovato nella forma ma concettualmente radicato nell’originaria immagine del loto e del suo significato, così anche l’azienda mantiene inalterato il senso primo della produzione originaria degli Estratti Fluidi.

Perché gli Estratti Fluidi?
Per capire a fondo il perché di alcune scelte bisogna tenere sempre a mente che psiche e corpo non vanno trattate come entità separate. Il corpo infatti non è un insieme meccanicistico di organi che lavorano autonomamente senza comunicazione, ma un sistema fatto di connessioni strettamente collegato alla mente. Di conseguenza i problemi fisici non sono ben distinti da quelli psichici.

La malattia non è un puro accidente, un disturbo casuale senza perché, ma esprime in ultima analisi gli aspetti repressi, temuti, accantonati della propria vita.
Non bisogna quindi limitarsi a combatterla: occorre prima di tutto capirla.

Thorwald Dethlefsen (1946 – 2010)
Psicoterapeuta e filosofo tedesco

Gli Estratti Fluidi restano quindi la radice più profonda dell’azienda proprio perché rappresentano la valorizzazione della ricchezza della natura per offrire le migliori soluzioni alle esigenze dell’individuo. Agiscono infatti, ognuno con le sue proprietà, proprio su disagi fisici ma anche su stati emotivi e problematiche legate alla loro cattiva gestione.

Cosa sono gli Estratti Fluidi?

Gli Estratti Fluidi sono prodotti ad alta concentrazione di principi attivi stabili, ottenuti da piante officinali essiccate, scrupolosamente selezionate.
Da un kg di materia prima, posta a macero in una miscela solvente alcol-acqua, si ottiene con metodologie opportune un kg di estratto (rapporto estrattivo 1:1).

Gli Estratti Fluidi (codex francese 1976) della linea sono preparati a partire dalla pianta secca (quindi con tutta la trasformazione delle varie sostanze ad opera dell’aria-ossigeno) e sono il risultato di due successive lisciviazioni per concentrazione della seconda percolazione. Le due soluzioni sono poi mescolate in maniera tale da ottenere un estratto il cui peso corrisponde esattamente al peso della droga secca impiegata: 1/1.

Qual è la differenza con la Tintura Madre?

A volte si tende a confondere gli estratti fluidi (E.F.) con le tinture madri (T.M.).
Qui di seguito riportiamo le principali differenze:

  • L’estratto fluido è un prodotto derivato dalla pianta secca ed è di pertinenza della fitoterapia; il rapporto è di 1/1: siamo di fronte, pertanto, ad una preparazione galenica ponderale.
  • La tintura madre è un prodotto derivato dalla pianta fresca, ed è la prima diluizione decimale dell’omeopatia (1/10).
  • Il dosaggio giornaliero dell’estratto fluido, quindi, è 10 volte inferiore a quello della tintura madre. Infatti, una goccia di E.F. equivale a 10 gocce di T.M.. Ciò comporta un doppio risparmio: si riduce la quantità di alcol che deve essere assunta e diminuisce in proporzione il costo che il paziente deve affrontare.
  • La preferenza agli E.F. è da accordare anche, e soprattutto, per il basso titolo alcolico (22°-27°) rispetto alla T.M. (da 45° in su), in quanto utilizzabili in pediatria, in geriatria e in tutti quei soggetti che hanno patologie più o meno manifeste a livello epatico, pancreatico, gastrico e del tubo digerente in generale. Inoltre non creano problemi di tossicità e di intolleranza. Gli E.F. sono generalmente limpidi o leggermente opalescenti e di colorazione scura.

Informazioni tecniche

La posologia media varia, a seconda dei casi, dalle 15 alle 20 gocce 3 volte al giorno, dopo i pasti (salvo casi particolari).

Ogni lotto di pianta medicinale della linea viene accompagnato da un certificato di analisi che ne indica la titolatura, la parte utilizzata, le caratteristiche organolettiche, il solvente e il rapporto di estrazione, il grado alcolico relativo a quella preparazione, l’assenza di alcol dannoso (metanolo e propanolo) e l’esame spettrofotometrico, secondo l’identificazione per HPLC o CCM.
Vengono inoltre evidenziate le informazioni nutrizionali a cura dell’Istituto Zooprofilattico dell’Umbria e delle Marche.

Sugli E.F. esiste una documentazione scientifica ampia e comprovata clinicamente, in quanto testata in varie cliniche ospedaliere ed universitarie. Questo enorme ed importante lavoro è stato raccolto in un testo di 1800 pagine dal titolo Piante Medicinali, Chimica Farmacologica e Terapia, i cui eminenti autori sono Benigni, Capra e Cattorini (Edizioni Messaggerie Italiane – Milano).

Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed
Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter: riceverai tutte le notizie, gli aggiornamenti, le promozioni e le attività del mondo EFIT!