Utilizziamo cookie tecnici per fornire una migliore esperienza di navigazione nel sito, compresi cookie di "terze parti" per funzioni statistiche anonime e per attivare le funzioni di "social plugin". Non utilizziamo cookies di profilazione per inviare messaggi pubblicitari. Chiudendo questo banner o proseguendo nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. Leggi l'informativa privacy completa

Come stimolare le naturali difese dell’organismo?

Funghi medicinali: ricchi di principi attivi e in grado di rafforzare l’organismo.

Sane abitudini di vita e di alimentazione sono sicuramente il modo migliore per conservare il benessere dell’organismo più a lungo possibile. Accanto a questo però può fare la differenza porre una grande attenzione al sostegno e al rafforzamento delle naturali difese.

I funghi medicinali sotto questo punto di vista, e anche sotto molti altri (ma in questo caso ci soffermeremo solo su questo aspetto), rappresentano un ottimo sistema per aiutare e supportare le difese immunitarie dell’organismo e potenziare la nostra resistenza a virus e batteri.

“I funghi medicinali sono alleati della nostra salute per almeno due ragioni. Innanzitutto, condividono con gli esseri umani una serie di molecole raramente presenti in altri sistemi viventi: quindi, quando l’organismo, a causa dell’età e dello stile di vita scorretto, perde questi elementi così essenziali alla vita, i funghi possono funzionare da riserva, rifornendo le nostre cellule di ciò di cui hanno bisogno. Inoltre, nascendo in ambienti che pullulano di germi, sono dotati di potenti armi immunitarie, grazie alle quali potenziano notevolmente le nostre difese. Infine, non bisogna dimenticare che sono ben digeribili, non contengono tossine, non causano effetti collaterali avversi e, oltre a non appesantire il fegato, lo rafforzano.”
(I funghi medicinali in 240 malattie: Guida alla scelta – Walter Ardigò)

GANODERMA LUCIDUM / REISHI

Il Ganoderma Lucidum, o Reishi, è forse il fungo più conosciuto e studiato, sulle cui proprietà sono state pubblicate numerose ricerche scientifiche in tutto il mondo.
È infatti il fungo che il maggior numero di sostanze biologiche utili all’organismo, ben quattrocento!

Originario del Giappone, il Reishi è chiamato il “fungo della longevità” o “dell’immortalità”, perché già gli antichi ne avevano colto l’inestimabile valore per la salute. La presenza di numerosi principi attivi infatti, fa del Reishi un fungo completo, efficace nella prevenzione e nella cura di moltissime malattie.
Nello specifico delle difese immunitarie, sono i beta-glucani, che le portano al top dell’efficienza antivirale e antibatterica.

SHIITAKE

Il nome Shiitake deriva dalla parola Giapponese shii usata per indicare una varietà particolare di castagno e dalla parola takeche che significa fungo. Mentre il suo nome latino, Lentinus edodes, sta per flessuoso e commestibile. Non a caso lo Shiitake è uno dei funghi culinari più utilizzati al mondo.
Nella Cina del 1500 era un fungo già ben conosciuto, non solo in cucina, ma soprattutto in medicina. È infatti un fungo tradizionalmente usato in Cina, Giappone e Corea come tonico energetico, e quindi utile in caso di sindromi influenzali e raffreddori.

Fu riscoperto nel 1964, dalle autorità sanitarie del Giappone, quando si accorsero che lo Shiitake era l’elemento base dell’alimentazione in due distretti in cui la popolazione era molto longeva e alcune principali malattie erano quasi del tutto assenti. In seguito a queste scoperte, il rimedio si è diffuso a macchia d’olio in tutto il Giappone e anche al di fuori dei confini del paese asiatico, conquistando consenso in tutto il mondo.

Lo Shiitake aiuta il controllo dell’ipertensione e i livelli di colesterolo LDL e dei trigliceridi nel sangue in quanto, secondo recenti studi, l’estratto del fungo aiuta a proteggere il fegato da fenomeni di tossicità.
In virtù della capacità di ridurre l’uricemia, è utile anche a donare sollievo a forme reumatiche e gottose. La sua azione principale resta comunque quella di potenziamento del sistema immunitario.

CORDYCEPS SINENSIS

Il Cordyceps Sinensis cresce esclusivamente nella zona dell’altopiano Himalayano, tra i 3000 e i 5000 metri sopra il livello del mare. Al suo interno ospita un lepidottero che appartiene al genere Thitarodes Armoricanus, conosciuto come “falena fantasma” o “insetto caterpillar”.
Per questo viene infatti chiamato anche “fungo Caterpillar”. Il nome cinese è invece dong chong xia cao che sta per “bruco in inverno, pianta in estate” a causa della sua capacità di trasformarsi durante il suo ciclo riproduttivo. In latino il temine Cordyceps significa “pianta dalla testa” e Sinensis significa “cinese”.

Le sue principali proprietà sono tonico-rinvigorenti e stimolanti del sistema immunitario. È infatti un estratto secco ideale per gli sportivi in quanto:

  • aiuta ad ossigenare i tessuti attraverso il rilassamento della muscolatura bronchiale, bronchiolare e della parte vasale;
  • favorisce la resistenza fisica e mentale, e aiuta a ridurre la sensazione di fatica, migliorando la gestione dell’energia;
  • favorisce la protezione delle articolazioni e concorre a velocizzare il recupero dai traumi;
  • aiuta a migliorare gli adattamenti fisiologici al training, la performance e i tempi di recupero, in particolare nelle attività molto intense.
Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed Instagram Feed
Newsletter
Iscriviti alla nostra newsletter: riceverai tutte le notizie, gli aggiornamenti, le promozioni e le attività del mondo EFIT!